1.jpg

Kinesiterapia

La chinesiterapia (dal greco kinesi=movimento) consiste in un insieme di tecniche di mobilizzazione che hanno come obiettivo il mantenimento dell’elasticità dei tessuti molli, della libertà articolare o, in altri casi, il mantenimento ed il recupero del trofismo muscolare e/o della forza. La chinesiterapia è indicata per trattare i diversi segmenti del corpo che hanno subito traumi, interventi chirurgici o lesioni articolari. Viene classicamente distinta in passiva ed attiva.
Chinesiterapia passiva: si basa sul rilasciamento, sull’allineamento posturale e sul massaggio connettivale. Si prosegue con la mobilizzazione passiva articolare manuale atta a migliorare la qualità del movimento. La si applica in caso di rigidità articolari, retrazioni legamentose, contratture muscolari. Il fine è di ottenere la completa mobilità articolare, con la massima escursione possibile,; stimolare l’articolazione, favorendo la lubrificazione articolare, e mantenere una buona funzione delle cartilagini articolari
Chinesiterapia attiva: si basa prevalentemente su esercizi attivi che possono essere indirizzati ad una specifica parte o possono applicarsi in tutto il corpo (ginnastica medica, sports terapia). Essa migliora il tono e il trofismo muscolare,  ed infine l’escursione e l’elasticità delle articolazioni e a ripristinare e mantenere nel nostro corpo un benessere fisico e mentale.  E' indispensabile in caso di interventi chirurgici a carattere ortopedico, sia come preparazione ad esso che, in seguito, come riabilitazione.